UFFICIO NAZIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Riconoscimento Rosa d’argento – Frate Jacopa 2022

Elisabetta Elio ha ricevuto la Rosa d'Argento 2022
6 Ottobre 2022

La conferito la “Rosa d’argento” è un riconoscimento attribuito a una donna del nostro tempo testimone di fede, speranza e carità. San Francesco, poco prima di morire, volle essere attorniato dai suoi amici più cari, fratelli nella fede e nel servizio, tra i quali spicca con forza sorprendente donna Jacopa dei “sette Sogli”, amica romana di comprovata rettitudine che tento bene faceva alle persone povere che incontrava.

La Rosa quest’anno è stata consegnata dal Custode della Porziuncola, fr. Massimo Travascio, alla sig.ra Elisabetta Elio, sposata con tre figli, consigliera nazionale e regionale in UNEBA, un’associazione degli enti socio sanitari non-profit voluta 70 anni fa dal papa san Paolo VI e direttrice di un centro per anziani di Verona, la Fondazione Pia Opera Ciccarelli – onlus. Elisabetta è in pensione da marzo 2022, ma rimarrà in servizio nella sua posizione di direttrice generale sino a fine anno. È stata nel direttivo di Adoa Verona e referente dell’area anziani dell’Associazione Diocesana Opere Assistenziali di Verona per 2 mandati, dal 2014 al 2021. Ha dovuto gestire, fin dalla prima ondata, il COVID nelle residenze dove lavora. Anche lei e la sua famiglia sono stati colpiti dal COVID, ma è sempre rimasta a disposizione, anche da remoto, per dare supporto ai suoi collaboratori e agli enti vicini.

Così ha brevemente descritto il tempo di emergenza appena trascorso: «Ricoprire il ruolo di direttrice durante l’emergenza non è stato semplice, credo che il mio compito principale sia dare fiducia a tutti gli altri, mostrare sicurezza e determinazione. Sono in Fondazione da ventisei anni e porto avanti un testimone che è stato custodito da altri prima di me: ritengo importante dare il mio contributo per la continuità di quest’opera». La realtà di cui è direttrice generale dal 2012 ha più di 600 dipendenti con diverse sedi in provincia di Verona.

Proprio per questo suo impegno generoso e costante, in particolare in tempo di pandemia, le è stato assegnato il riconoscimento che vuole essere un segno di gratitudine, ma anche di incoraggiamento a perseverare nel fare il bene. Solo facendo ognuno la nostra piccola parte possiamo costruire un mondo più giusto e pacifico.

Testo del discorso della dott.ssa Elio