UFFICIO NAZIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Predicate il Vangelo e curate i malati – Linee guida per l’applicazione della Nota

Vademecum
5 ottobre 2016
La Nota Pastorale “Predicate il Vangelo e curate i malati”, pubblicata nel giugno 2006 dalla Commissione Episcopale per il servizio della carità e la salute, ha messo in agenda, per la pastorale della salute, il tema della “nuova evangelizzazione” e del rapporto tra comunità cristiana e persone sofferenti. Essa si propone, tra l’altro, di “offrire alle comunità ecclesiali criteri di discernimento e indicazioni pastorali per un’adeguata evangelizzazione e un’incisiva testimonianza della speranza cristiana nel mondo della salute”.
A cinque anni dalla sua pubblicazione, la Nota conserva la sua piena attualità e, anzi, chiede di essere maggiormente recepita e interiorizzata nei suoi contenuti chiave da parte di quanti, a vario titolo, operano a servizio dell’umanità sofferente.
Volentieri ho sostenuto l’iniziativa dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della sanità di realizzare questo testo di sintesi in forma di linee guida o, per così dire, di “Vademecum”, allo scopo di diffondere in chiave operativa i valori e gli obiettivi della Nota, a particolare vantaggio dei responsabili degli Uffici diocesani di pastorale della salute e dei loro collaboratori.
Mi preme altresì sottolineare la modalità che ha portato alla realizzazione del presente lavoro, che pone in luce degli aspetti sicuramente innovativi. Infatti, esso nasce dalla collaborazione di sacerdoti, religiosi, diaconi e laici attivi nella pastorale della salute, supportati da un team di professionisti della formazione e della comunicazione messi a disposizione da una stimata società di consulenza.
Il Vademecum è pensato come uno strumento di primo approccio operativo all’implementazione della pastorale della salute nelle Diocesi ed è aperto a ulteriori contenuti e sviluppi attraverso l’acquisizione di contributi ed esperienze da parte di tutti gli operatori, anche mediante l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche.
Grato a coloro che hanno lavorato alla stesura di questo pregevole strumento, per intercessione di Maria, Salute degli Infermi e Madre della Chiesa, invoco dallo Spirito Santo abbondanti grazie per il cammino della pastorale della salute in Italia e auspico che dal lavoro svolto possano sorgere ulteriori e copiosi frutti.
Roma, 12 giugno 2011
Solennità di Pentecoste
Mons. Giuseppe Merisi
Presidente Commissione Episcopale per il servizio della carità e la salute

MODALITA' OPERATIVE PER I RESPONSABILI DEGLI UFFICI DIOCESANI
E' possibile scaricare il vademecum in formato PDF.
Una volta aperto il file, all'interno di ogni sezione contenente l'elenco delle azioni, è possibile inserire un proprio contributo di tipo testo
E' sufficiente posizionarsi sull'ultimo rigo del box contenente i punti elenco e con il click destro del mouse inserire la NOTA di testo che risulterà allegata al Vademecum.
Una volta terminato l'inserimento delle NOTE è necessario salvare il file PDF e inviarlo via email all'ufficio nazionale: salute@chiesacattolica.it
sapere
Il VADEMECUM è anche navigabile con la possibilità di cliccare sugli obiettivi della Nota, articolati secondo lo schema del sapere, saper essere e saper fare.